L’AUTOPSIA SU MICHEAL JACKSON RIVELA STRANI TATUAGGI

Michael Jackson

Per tutte le grandi star esiste qualche leggenda. Elvis, i Beatles, Jim Morrison e tanti altri sono stati nominati per arricchire fantasie e leggende urbane di ogni tipo. Il Re del Pop non fa eccezione. Già si trova in giro qualcuno che si chiede se è ancora vivo e tra un po’ ci verranno a dire che hanno trovato simbologie sulla copertina del suo ultimo album che provano che è stato in realtà rapito dagli alieni.

Per il momento sappiamo di per certo che Micheal soffriva di una brutta forma di vitiligine che l’ha “costretto” a sottoporsi a numerose operazioni di chirurgia estetica (che in america tra i VIP miete più di una vittima…). Adesso esce fuori che, il medico legale che ha eseguito l’autopsia sul cantante, che ricordiamo essere morto di overdose di propofol, ha scritto nel suo rapporto che le sue labbra erano tatuate di rosa e le sopracciglia di  nero. Anche all’attaccatura dei capelli c’era qualche ritocco di inchiostro,  dello stesso colore delle parrucche che era solito indossare.

La cosa però più sorprendente è che l’autopsia non ha rilevato alcun segno di abuso di droghe endovena. Non sono stati infatti trovati segni di recidive punture d’ago.

“Non c’era alcuna indicazione dalla autopsia che ci fosse qualcosa di anatomicamente sbagliato in lui che l’avrebbe quindi portato a morte prematura,” ha dichiarato il medico Christopher Rogers

Close
Supporta Occhio sul Web
Seguici sul tuo social newtork preferito e buona navigazione ;)