SASHA GREY IMPUGNA IL VOLANTE

C’è grande eccitazione in Russia per il debutto di Sasha Grey nelle competizioni automobilistiche. Anche se si è ritirata dalle scene nel 2011, Sasha Grey è infatti una delle pornodive più famosedi sempre. Banditi nudità e sesso estremo, l’ex star dell’hard indosserà tuta e casco, si metterà al volante di una Lada Kalina e parteciperà, il prossimo giugno, al rally-raid di 9000 chilometri in programma da Vladivostock a Mosca: una corsa massacrante che nel 2010 vide al via anche Vladimir Putin, costretto presto al ritiro.

Californiana d’origine caucasica, Sasha Grey
 (nome d’arte, il vero nome è Marina Ann Hantzis), ha oggi 25 anni, ma nel cinema porno ha debuttato giovanissima e ha girato ben 271 film, tre dei quali da regista. Intensa anche la carriera da modella, cantante e dj radiofonica, ma è il cinema hard che le ha regalato fama e notorietà in tutto il mondo, soprattutto negli Usa e in Russia. La prima apparizione nel 2006, in The Fashionistas 2 di Jon Stagliano, comparsa in una scena di sesso di gruppo al fianco nientemeno che di Rocco Siffredi, il re del porno italiano.

 

 

Da allora, una carriera intensa, con ruoli sempre più importanti. “Rapporti orali e anali le sue specialità”, si legge nello spudorato curriculum pubblicato su fb, dove viene precisato che “Sasha è rigorosamente bisex”. Roba vecchia, però. Pur non rinnegando il suo passato, in un cinguettio su Twitter l’ex pornodiva ha infatti scritto che le sue passioni attuali sono due: la cucina e le corse automobilistiche. “Perciò – ha aggiunto – ho deciso subito di accettare la proposta avanzata dal sito web drom.ru”. L’invito a correre in auto, infatti, è stato accompagnato da una promessa legata alla passione per il buon cibo:”Se vieni a correre in Russia – le hanno detto i responsabili di drom.ru – ti insegniamo a cucinare i pelmeni (piatto tradizionale russo molto simile ai nostri ravioli). In verità, Sasha coltiva anche un altro sogno: sfondare come scrittrice. E infatti ha appena finito di scrivere Juliet Society, romanzo erotico che uscirà in Italia a giugno. Nell’attesa, i suoi fans sgommano più della Lada in prova…

In Russia l’annuncio del debutto di Sasha Grey nelle corse ha fatto clamore, ma non mancano dubbi e perplessità legati all’auto che guiderà: la Lada Kalina viene considerata infatti “poco affidabile” e molti si domandano se riuscirà ad arrivare fino in fondo. Laggiù le donne al volante sono in crescita tumultuosa, ma nelle corse non ci sono campionesse di fama. Anche in Occidente, del resto, le donne nelle corse sono state sempre in netta minoranza. La più forte di tutte è stata Michel Mouton, rallista di gran valore, che a cavallo degli anni 70/80 è stata l’unica donna salita più volte sul podio, arrivando a sfiorare il titolo mondiale

 

Più difficile il compito delle donne in Formula 1. Aprì la strada, negli anni 50, la contessina napoletana Maria Teresa de Filippis. Oggi 86enne, è stata la prima donna cimentatasi nella massima categoria, gareggiando con una Maserati 250F identica a quella del mitico Manuel Fangio, l’argentino cinque volte campione del mondo. Negli anni 70 approdò in Formula 1 Lella Lombardi e, nel 1992, ci provò Giovanna Amati: coraggiose esponenti d’una “minoranza” rappresentata, nel tempo, anche dall’inglese Divina Galica e, nel 1980, dalla sudafricana Desirè Wilson. Meteore.

Nel nuovo secolo le donne son tornate alla carica. 
Sarah Fisher è stata la prima ad aver testato una Formula 1 nel 21° secolo, esattamente nel 2002. Seguì la britannica Katherine Legge, che provò a Vallelunga una Minardi; dopo di lei la sfortunata Maria de Villota, ex terza guida della Marussia, infortunatasi seriamente ad un occhio in un incidente in prova, e Susy Volff, per un breve periodo riserva della Williams. Qualche tempo fa si parlò di Veronica Valverde, portoricana inserita in una “cantera” Ferrari di cui si son perse le tracce, mentre la RedBull ha provato Beitske Visser, inserendola nel vivaio del team di Formula 1. Non avendo nessuna di loro un passato da pornostar, se ne parla assai poco…

 

 

Close
Supporta Occhio sul Web
Seguici sul tuo social newtork preferito e buona navigazione ;)