COLOMBIA, SPOPOLA LA “RULETA SEXUAL”: SESSO DI GRUPPO TRA MINORI

Nasce in Colombia e viene praticato da circa 3 anni nelle discoteche di tutto il paese, soprattutto nelle citta di Meddelin, Bogota e Cali. Dati sconcertanti:la ricerca del divertimento affossa nuovamente i limiti della dignità umana. Autorità cercano di fermare la sua diffusione che sta diventando ormai ‘virale’.

rulllll

Di recente ne avevamo viste di brutte: da droghe che scarnificavano vivi ad alcolici iniettati direttamente negli occhi. I giovani di tutto il mondo, colpa di un progresso che dà già abbastanza e di una morale sempre piu libertina, arrivano ad escogitare le cose piu fantasiose e orribili pur di passare una serata a divertirsi.

Ma c’è una nuova moda che non può essere solo circoscritta ai termini di una serata e, anzi, le conseguenze sfiorano quelle di un disastro generazionale. Si chiama ‘ruleta sexual‘ o gioco del carosello ed i partecipanti sono ragazzi e ragazze che si ritrovano nelle normali discoteche cittadine con l’intento preciso di sfidarsi in questa gara goliardica: a un certo punto della serata, si abbassano le luci e parte la musica, ma, invece di ballare nei modi consueti, i partecipanti si dispongono in uno schema abbastanza anomalo; le ragazze si dispongono in cerchio al centro della sala rivolgendo le spalle ai ragazzi che stanno intorno a loro. Tutti si spogliano dalla vita in giù e inizia questa sfida, molto simile ad un primitivo rito di iniziazione.

La sfida consiste, per i ragazzi, nel penetrare più ragazze possibili prima di raggiungere l’orgasmo, percorrendo questa cosiddetta roulette femminile. E’ una pratica del tutto immorale e i rischi appaiono evidenti dall’inizio. La trasmissione di malattie e i rischi di incorrere in gravidenze indesiderate sono elevatissimi. Specialmente se si considera che i rapporti avvengono in modo non protetto e la fascia di età che coinvolge questi ragazzi va dai 10 ai 19 anni!

Molte madri hanno denunciato il fatto, dopo che le proprie figlie (anche giovani ragazzine di 14 anni o meno) si sono ritrovate gravide in attesa di un bambino senza conoscere l’identità precisa del padre. Tutto ciò ha portato a dati sconcertanti, come testimonia l’ICBF (Instituto colombiano de bienestar familiar). Solo nel 2011 un totale di 6967 donne dai 10 ai 19 anni ha riscontrato una gravidanza indesiderata e l’82% di queste ha deciso di abortire, molte delle quali con metodi ‘clandestini’. Nel 2012, invece, sono stati riscontrati 1307 casi di sifilide e ben 1148 casi di Hiv e Aids.

Le autorità colombiane sono allertate e si stanno mobilitando per sedare una pratica che, col solo scopo di divertire una serata, sta diventando una piaga sociale. Essa influenza le categorie più deboli e meno tutlate e ci viene difficile entrare nella logica che spinge giovani ragazze e bambine a concedersi a pratiche talmente disumane.

Resta un po’ di ribrezzo per quello che una fetta di società giovanile ci sta proponendo, e c’è da chiedersi se tanta emancipazione dai genitori e tanto progresso in realtà non stia facendo del male.

(Fonte Blitzquotidiano.it)

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Close
Supporta Occhio sul Web
Seguici sul tuo social newtork preferito e buona navigazione ;)