POSSESSIONI DEMONIACHE ED ESORCISMI, I 10 CASI PIÙ TERRIFICANTI NELLA STORIA

Per quanto sentire storie di  spiriti maligni che possiedono il corpo di una vittima possa sembrare fantascienza, l’eventualità di essere posseduti dal demonio rimane una credenza comune nelle religioni di tutto il mondo.

Anche la Bibbia allude alla possessione demoniaca più di trenta volte, tra cui diversi casi in cui Gesù si trova a dover “scacciare i demoni” che affliggono il popolo. La maggior parte delle religioni offrono preghiere, incantesimi, o pozioni per rimuovere questi spiriti attraverso rituali di esorcismo.

Così come può essere difficile credere alle storie di possessione, allo stesso tempo è arduo ignorare completamente le innumerevoli testimonianze che la storia ha collezionato intorno a tali fenomeni. Analizziamo quindi i dieci casi più spaventosi e più documentati di vera possessione demoniaca.

possessione demoniaca

Nota: Per la maggior parte di questi casi, non ci sono fotografie che possiamo condividere con voi. Molte immagini per illustrare questo post sono quindi tratte da film o altre fonti.

Clara Germana Cele

clara cele

Nel 1906, Clara Germana Cele era una studentessa cristiana presso la Missione di San Michele a Natal, in Sud Africa. Per chissà quale ragione, Cele pregando fece un patto con Satana, quando aveva sedici anni di età. Pochi giorni dopo, cominciò ad essere preda da strani sintomi. Cominciò ad esempio ad essere respinta dai manufatti religiosi come le croci, riusciva a parlare e a comprendere più lingue, di cui non aveva alcuna conoscenza precedente, e divenne infine chiaroveggente verso i pensieri e la vita delle persone intorno a lei.

Le suore che hanno partecipato all’esorcismo della ragazza hanno riferito che, durante il rito, essa produceva suoni orribili, quasi animaleschi; non da meno la videro levitare fino a 3 metri di altezza. Cele tentò inoltre di strangolare uno dei sacerdoti con la stola, e più di centosettanta persone testimoniarono di averla vista sospesa per aria, come avevano riferito le suore. Nel corso di due giorni, i riti di esorcismo ha scacciato con successo gli spiriti oscuri dal suo corpo. (Link | Foto)

 

Anneliese Michel

caso di possesso demoniaco
Anneliese Michel è un caso controverso, così come oggetto di molti racconti ispirati alla sua tragica storia, tra i quali il film drammatico del 2005 “L’esorcismo di Emily Rose“. La sedicenne Anneliese Michel aveva una storia di epilessia per la quale era stata spesso curata in un ospedale psichiatrico. Tuttavia, nel 1973 Michel mostrò istinti suicidi, cominciò a respingere tutti gli artefatti religiosi, iniziò a bere la propria urina, e cominciò a sentire delle voci. La medicina non riuscì a fare nulla per aiutare la ragazza, che pregò quindi la sua famiglia di portarla da un prete perché credeva di essere posseduta dai demoni. Anche se la sua richiesta fu respinta, due sacerdoti locali iniziarono segretamente a trattarla con dei riti di esorcismo. Nel frattempo, i suoi genitori  smisero di curarla con i farmaci per l’epilessia e altri disturbi mentali. Morì nel giro di un anno.

Michel contò quasi settanta esorcismi eseguiti su di lei nel corso di dieci mesi. Molti di questi furono registrati:

Anneliese Michel morì di cachessia e fame. Di conseguenza, i suoi genitori e i sacerdoti furono accusati di omicidio colposo.

 

Roland Doe” / “Robbie Mannheim

vera storia esorcista
Conosciuta come la storia “reale” che ha ispirato  l’autore del romanzo “L’esorcista” da cui è stato poi tratto il film horror cult. Roland Doe è uno dei racconti più noti di possessione demoniaca. In realtà, Roland Doe non è il suo vero nome, è uno pseudonimo a lui assegnato dalla Chiesa cattolica al fine di preservare la privacy del ragazzo. Alla fine del 1940, la zia di Doe lo incoraggiò ad usare una tavola Ouija, e molti ipotizzano che dopo la sua morte il ragazzo abbia tentato di contattare la zia con la tavola Ouija, un atto che ha aperto la porta per i demoni che desideravano invece possedere lui.

Il possesso è iniziato con l’improvviso verificarsi di strani suoni dei quali non si riusciva a risalire alla fonte. In seguito, i manufatti religiosi cominciarono a tremare e volarono fuori le mura. Diversi graffi cominciarono ad apparire sul corpo del ragazzo, come se la carne fosse lacerata da artigli invisibili. Il ragazzo iniziò a parlare in lingue diverse con una voce gutturale e a levitare in aria, con il suo corpo contorto dal dolore.

La sua famiglia lo portò  da un prete cattolico, che stabilì che il ragazzo era posseduto da spiriti maligni e aveva bisogno di un esorcismo. Il rituale di esorcismo fu eseguito più di trenta volte. Quando, finalmente, il rito ebbe successo, l’intero ospedale sentì le grida di Doe nonché un odore solforico orribile nell’aria.

Julia

a98653_possession
Nel 2008, il Dr. Richard E. Gallagher, uno psichiatra e professore associato di psichiatria clinica alla New York Medical College, ha documentato il caso di un paziente soprannominato “Julia”,  deducendo di trovarsi di fronte ad un reale caso di possesso demoniaco. E ‘raro che uno scienziato e psichiatra riconosca tale possibilità, visto che in genere i medici ritengono si tratti di un qualche tipo di malattia mentale.

Il dottor Gallagher osservò personalmente oggetti volare e notò che Julia era in grado di levitare, parlare  lingue sconosciute, e sapere cose sulle persone intorno a lei delle quali non poteva avere idea.

Qui trovate un estratto dal comunicato di Gallagher.

 

Arne Cheyenne Johnson

a98653_connecticut-court-demon-murder-trial

Nel 1981, Arne Cheyenne Johnson assassinò il suo padrone di casa, Alan Bono, nel Connecticut.

Il suo fu il primo caso giudiziario negli Stati Uniti, durante il quale la difesa ha cercato di dimostrare che l’imputato, in quanto posseduto, non fosse colpevole.

Per quanto sia gli avvocati che i genitori del ragazzo riportarono diverse prove a favore di tale ipotesi,  il giudice stabilì che la possessione demoniaca non fosse una valida difesa contro l’omicidio di primo grado. Johnson fu così condannato  a venti anni di reclusione. 

 

David Berkowitz, alias “Son of Sam”

son of sam

Nel 1976, gli abitanti di New York City sono stati terrorizzati da un serial killer noto come il “Figlio di Sam“. Per più di un anno, il killer depistò la polizia, lasciando dietro di sé le note beffe sulle scene del crimine. Sei persone sono state uccise e altre sette gravemente ferite nella cosiddetta “Summer of Sam”, titolo peraltro del film di Spike Lee ispirato proprio a tale vicenda.

Quando fu arrestato, David Berkowitz, confessò ogni omicidio compiuto,  sostenendo che ognuno di quegli omicidi gli erano stati ordinati da un demone. Berkowitz non ebbe la pretesa di dichiararsi posseduto, tuttavia, sostenne che il cane del suo vicino lo fosse, e che fosse proprio quell’essere ad avergli ordinato di eseguire le uccisioni. Berkowitz fu condannato a sei ergastoli. Nella metà degli anni 1990 saltò fuori che l’assassino avrebbe fatto parte di una setta satanica che aveva orchestrato gli incidenti come parte di un omicidio rituale.

 

Michael Taylor

satanismo
Michael Taylor e sua moglie, Christine, vivevano in una piccola città in Gran Bretagna chiamata Ossett. La coppia era molto religiosa, e si era unita ad un gruppo di preghiera cristiana guidata da Marie Robinson. Ad un incontro nel 1974, Christine Taylor ha accusato il marito e la Robinson di avere una relazione, ma entrambe le parti negarono fermamente. Nei giorni successivi a tale episodio, Michael Taylor cominciò a gridare oscenità ed a mostrare degli sbalzi di umore e di carattere veramente forti. Tali comportamenti portarono i testimoni a pensare che fosse posseduto dal male.

Dopo diversi mesi di questo folle comportamento, Taylor venne sottoposto ad un esorcismo. L’esorcismo durò per oltre 24 ore, ed i sacerdoti coinvolti affermarono di aver rimosso quaranta demoni dal corpo dell’uomo. Tuttavia, prima di partire, i sacerdoti lo avvisarono che un demone assassino era rimasto dormiente nella sua anima.

Appena arrivato a casa Taylor, ha brutalmente ucciso sua moglie e il loro cane. In seguito fu trovato mentre si aggirava per le strade, coperto di sangue. Al suo processo, è stato assolto per infermità mentale.

George Lukins

George Lukins
Nel 1778, l’inglese George Lukins sarebbe stato accusato di essere posseduto. L’uomo avrebbe cominciato a cantare con una voce e con una lingua che non era la sua, e, infine, i vicini di casa, preoccupato per il suo comportamento sempre più spaventoso, lo portarono in chiesa per aiutarlo.

Lukins fu chiuso in un ospedale per più di 20 mesi, ma i medici non poteva aiutarlo.  Durante uno dei sui episodi di possesso più violenti,  Lukins disse si essere  il diavolo, abbaiò come un cane, e cantò inni a ritroso. Infine la storia di Lukins convolse anche la chiesa. Sette sacerdoti riuniti a Temple Church, si sono esibiti in un esorcismo. Quando la cerimonia terminò , i sacerdoti affermarono che l’uomo era finalmente libero dai sette demoni che lo possedevano. Sembra che George esclamò: “Sia lodato Gesù!”

 

Anna Ecklund

esorcista
A soli quattordici anni di età, una ragazza di Earling, di nome Anna Ecklund iniziò a mostrare segni di possessione demoniaca. La ragazza era stata allevata in un clima molto cattolico, tuttavia il padre e la zia, che praticavano la stregoneria, avrebbero maledetto la ragazza utilizzando delle erbe particolari per contaminare il suo cibo. In poco tempo dall’inizio di questi rituali, la ragazza non riuscì più a stare davanti a nessun manufatto religioso, divenne sessualmente depravata, e non riusciva più ad entrare in una chiesa. Nel 1912, la ragazza subì un esorcismo di successo, ma dopo essere stata “curato” , il padre e la zia pregarono  Satana perché lei soffrisse  ancora di più, e nel giro di un anno la ragazza venne posseduta da più entità che i preti dovettero nuovamente scacciare con tre diversi rituali di esorcismo.

 

 

L’esorcismo di Papa Francesco
La Chiesa cattolica compie migliaia di esorcismi ogni anno, e Papa Francesco ha dichiarato di credere in Satana, e che la battaglia contro il male va combattuta ogni giorno. Nel maggio del 2013, il neo-eletto Papa avrebbe effettuato una breve esorcismo peraltro documentato con una fotocamera. Mentre si muoveva lungo la linea dei disabili, offrendo benedizioni, il Pontefice si fermò davanti a un ragazzo in sedia a rotelle. Prese tra le mani la testa del disabile, il ragazzo rabbrividì e rimase a bocca aperta per diversi secondi, come se sentisse che qualcosa stava accadendo.

3 Comments
  1. orietta santamaria
  2. Mr.Loto
  3. Maurizio

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Close
Supporta Occhio sul Web
Seguici sul tuo social newtork preferito e buona navigazione ;)